Cookie 
Questo sito utilizza cookie analitici di terze parti per analizzare la Tua navigazione del sito, cookie di profilazione di terze parti per tracciare la Tua navigazione ed inviarti pubblicità in linea con le Tue preferenze e cookie sociali di terze parti per permetterti di interagire con i social network. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o a alcuni cookie clicca qui
Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

  • Home
  • Archivio
  • Archivio 2012/13
  • News
  • VALDEGAMBERI: “LE PARTECIPATE DEL COMUNE DI VERONA NON RISPETTANO LA LEGGE IN MATERIA DI TRASPARENZA. ECCO I CASI PIU' ECLATANTI”

VALDEGAMBERI: “LE PARTECIPATE DEL COMUNE DI VERONA NON RISPETTANO LA LEGGE IN MATERIA DI TRASPARENZA. ECCO I CASI PIU' ECLATANTI”

società partecipate“La trasparenza delle pubbliche amministrazioni è un obbligo di legge, ma purtroppo non a Verona”. Stefano Valdegamberi, consigliere regionale presidente di Futuro Popolare, denuncia una situazione che merita approfondimenti. “Nonostante ci sia un decreto-legislativo, il numero 33 del 2013, che stabilisce che tutte le pubbliche amministrazioni sono tenute ad aprire una casella sul proprio sito Web chiamata 'amministrazione trasparente' in cui vengono indicati i compensi ed i curriculum degli amministratori e tutti i contratti che le amministrazioni stesse stipulano, tutto questo in alcune realtà pubbliche veronesi non sta accadendo. Basta infatti guardare il sito di Agsm, che questa normativa la deve rispettare, per scoprire che mancano i compensi di Agsm energia e soprattutto che sono indicati i soli contratti di Agsm distribuzione e Agsm Lighting. Non c'è nulla invece per quanto riguarda la holding ed Energia. D'altronde anche per quanto riguarda altre partecipate la situazione non è chiara. Ad esempio c'è un legale dello studio dell'assessore Toffali che risulta avere un compenso fisso in Atv per consulenze in materia di lavoro mentre ce n'è un altro, dello stesso studio, di cui non vengono indicati i compensi che percepisce, sempre per consulenze, da Verona Mercato. Tutto questo solo per parlare di dati mancanti, visto che lascio ad altri i commenti sui dati presenti, in particolare per quanto riguarda l'elenco dei fornitori delle partecipate. Io credo, insomma, che prima di pensare alle grandi holding ed a progetti che prevedono fusioni e trasformazioni avveniristiche, volte tutte a trasformare sempre più le aziende pubbliche in bancomat per il Comune a spese dei cittadini-utenti, gli amministratori veronesi dovrebbero essere davvero trasparenti nel loro agire. Anche perché solo in questo modo fugheranno i tanti dubbi che sono sorti anche in seguito alle recenti notizie sulle tante inchieste giudiziarie riguardanti il Comune e le partecipate in corso”.

 

StefanoValdegamberi
Presidente Futuro Popolare