Cookie 
Questo sito utilizza cookie analitici di terze parti per analizzare la Tua navigazione del sito, cookie di profilazione di terze parti per tracciare la Tua navigazione ed inviarti pubblicità in linea con le Tue preferenze e cookie sociali di terze parti per permetterti di interagire con i social network. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o a alcuni cookie clicca qui
Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

  • Home
  • Archivio
  • Archivio 2012/13
  • News
  • VALDEGAMBERI: “GIOVEDI' SCORSO E' STATA ILUSTRATA IN COMMISSIONE SANITA' REGIONALE LA MIA PROPOSTA DI LEGGE CHE REGOLAMENTA E CONTRASTA LE SLOT MACHINES, ORA LA SI APPROVI IN FRETTA!”

VALDEGAMBERI: “GIOVEDI' SCORSO E' STATA ILUSTRATA IN COMMISSIONE SANITA' REGIONALE LA MIA PROPOSTA DI LEGGE CHE REGOLAMENTA E CONTRASTA LE SLOT MACHINES, ORA LA SI APPROVI IN FRETTA!”

videopoker-da-bar“Giovedì 9 gennaio è stata illustratata nella Quinta Commissione regionale la mia proposta di legge sulle slot machines, ora mi auguro che si voglia davvero passare dalle parole ai fatti”. Stefano Valdegamberi, Consigliere regionale presidente di Futuro Popolare che è stato il primo a sollevare il problema legato agli effetti delle macchinette mangia-soldi su persone e famiglie, commenta così il primo passaggio formale del disegno di legge che aveva presentato il 27 novembre scorso. “Ora mi auguro che si arrivi in fretta a discuterlo in aula e che tutti agiscano con coerenza, perché il Veneto ha la possibilità di adottare una legge che argina i problemi legati alle decisioni favorevoli al gioco d'azzardo che vengono prese a Roma. Sono contento che anche altri ora si diano da fare in Consiglio regionale su questo argomento, perché l'importante è arrivare ad adottare al più presto delle regole chiare”. La proposta di legge di Valdegamberi prende esempio da norme già adottate dalla Regione Lombardia, inasprendo però le misure di contrasto alle ludopatie. Prevede che venga innalzata di un punto l'aliquota Irap per i gestori di locali in cui ci sono slot machines, e che quindi da esse traggono reddito, e che venga ridotta di un punto per coloro che invece non le installano, per premiare la loro scelta. Essa poi prevede l'emanazione di un regolamento che: vieta la presenza di slot machines a meno di 500 metri da luoghi sensibili, come chiese, scuole, impianti sportivi e luoghi di aggregazione; stabilisce sanzioni che possono arrivare alla sospensione della licenza per coloro che permettono di giocare a persone affette da casi conclamati di ludopatia; stabilisce la possibilità per i gestori che non hanno macchinette mangia-soldi di affiggere cartelli annuncianti che il loro è un locale slot-free. “Dopo aver lanciato una campagna di boicottaggio dei bar con le slot machines ed un'iniziativa volta ad promuovere uno sciopero fiscale indiretto da attuare non spendendo soldi per i concorsi a premi, avevo presentato quella proposta di legge, la seconda in materia dopo che la prima non era mai stata discussa, per far si che si arrivassero a mettere finalmente dei punti fermi nella regolamentazione di un'attività che di fatto è un grave problema. Una vera e propria piaga sanitaria, visto il notevole aumento dei casi di dipendenza patologica dal gioco, ma anche sociale, visto che ci sono famiglie che finiscono sul lastrico a causa di queste macchinette. Ora la Regione non ha più alibi. Ed anche i Comuni possono fare la loro parte, innalzando la tassa ex-Imu nei confronti di chi tiene i videopoker nei propri locali”.

 

Stefano Valdegamberi
Presidente Futuro Popolare