Cookie 
Questo sito utilizza cookie analitici di terze parti per analizzare la Tua navigazione del sito, cookie di profilazione di terze parti per tracciare la Tua navigazione ed inviarti pubblicità in linea con le Tue preferenze e cookie sociali di terze parti per permetterti di interagire con i social network. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o a alcuni cookie clicca qui
Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

STEFANO VALDEGAMBERI, CONSIGLIERE REGIONALE VENETO, LISTA ZAIA: “DAL PRIMO GENNAIO 2016 ENTRA IN VIGORE L’ADDIZIONALE IRAP AGGIUNTIVA CONTRO IL GIOCO D’AZZARDO. LA GIUNTA ATTUI QUANTO PRIMA LE MISURE DI CONTENIMENTO E DI PREVENZIONE CONSIDERATA LA TOTALE

slot machineSTEFANO VALDEGAMBERI, CONSIGLIERE REGIONALE VENETO, LISTA ZAIA: “DAL PRIMO GENNAIO 2016 ENTRA IN VIGORE L’ADDIZIONALE IRAP AGGIUNTIVA CONTRO IL GIOCO D’AZZARDO. LA GIUNTA ATTUI QUANTO PRIMA LE MISURE DI CONTENIMENTO E DI PREVENZIONE CONSIDERATA LA TOTALE DISATTENZIONE DA PARTE DELLO STATO CONTRO QUESTO DRAMMA SOCIALE”

L’art. 20 della Legge Finanziaria regionale 2015 introduce delle norme atte a prevenire, contrastare e ridurre il rischio di dipendenza dal gioco d’azzardo patologico (Gap)". Così il Consigliere regionale della Lista Zaia, Stefano Valdegamberi, tra i promotori della norma, ricorda l’importante articolo di legge per il quale la Giunta sta predisponendo i relativi provvedimenti attuativi. "L’articolo - spiega il Consigliere - prevede una serie di azioni di prevenzione, la cui attuazione è a carico dei Comuni e della Regione, che comprendono anche l’istituzione di un numero verde regionale e di uno specifico indirizzo di posta elettronica per accedere ai servizi di ascolto e di assistenza. I Comuni saranno invitati a stabilire il divieto di istituire nuove sale da gioco nelle vicinanze dei luoghi sensibili e di aggregazione, come scuole e centri giovanili, a limitarne gli orari di apertura e ad avviare azioni premianti per i locali slot-free".

"Le aziende sanitarie - aggiunge Valdegamberi - in attesa dell’aggiornamento dei livelli essenziali di assistenza, sono chiamate a sviluppare iniziative di prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione delle persone affette da ludopatia e a promuovere gruppi di auto-mutuo aiuto. Inoltre il provvedimento vieta la pubblicità su spazi istituzionali dei giochi che prevedano vincite di denaro e dice che i titolari di sale da gioco e di esercizi commerciali in cui sono installati apparecchi per il gioco d’azzardo sono tenuti ad esporre in un luogo visibile un cartello informativo sui rischi correlati al gioco d'azzardo stesso, a dare informazioni sul test di autovalutazione e verifica del rischio di dipendenza rivolto ai giocatori ed a non pubblicizzare, sia all’interno che all’esterno dei locali, le eventuali vincite conseguite". E non è tutto. Si ricorda che, a decorrere dal 1 gennaio 2016, gli esercizi commerciali con installati apparecchi da gioco avranno una maggiorazione dell’imposta IRAP dello 0,2 per cento. Queste nuove entrate serviranno, almeno in parte, a far fronte ai costi socio-sanitari provocati dall’azzardo. Costi che non è giusto ricadano sull’intera collettività.

Il gioco d’azzardo sta sempre più distruggendo il tessuto sociale, relazionale e patrimoniale delle famiglie. I drammi legati a questa patologia ormai non si contano più. E tutto questo senza considerare che ad essa è collegato un fenomeno di crescita della micro-criminalità. L’intervento della Regione è comunque principalmente di carattere preventivo, e cerca di contenere le conseguenze nefaste delle normative di un uno Stato-biscazziere, che lucra sulle debolezze della povera gente, spacciando sogni e permettendo ai circuiti malavitosi di alimentarsi grazie al gioco d’azzardo. Per quanto è di competenza delle regioni è possibile tamponare le falle del sistema autorizzato a livello centrale. La soluzione vera si avrà solo quando il gioco d’azzardo verrà circoscritto all’interno di luoghi controllati come i casinò e non sarà disponibile a chiunque. Questa decisione è di competenza dello Stato che, invece, continua a moltiplicare l’offerta del gioco d'azzardo, disiteressandosi dei problemi che sono ad esso correlati”.

Stefano Valdegamberi
Consigliere Lista Zaia Presidente