Cookie 
Questo sito utilizza cookie analitici di terze parti per analizzare la Tua navigazione del sito, cookie di profilazione di terze parti per tracciare la Tua navigazione ed inviarti pubblicità in linea con le Tue preferenze e cookie sociali di terze parti per permetterti di interagire con i social network. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o a alcuni cookie clicca qui
Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Valdegamberi interverrà al forum internazionale di Yalta (Crimea) su embargo e autodeterminazione

Yalta forumIl consigliere regionale Stefano Valdegamberi sarà ospite dalla Federazione Russa e dal Governo della Repubblica di Crimea nel secondo Yalta International Economic Forum che si terrà nella città di Yalta, Repubblica di Crimea, tra il 14 ed il 16 aprile p.v.

Il forum è un punto di incontro di alto livello, istituito dalla Presidenza della Federazione Russa e dal Governo della Repubblica di Crimea, allo scopo di favorire i rapporti commerciali nella zona di libero scambio della Federazione Russa e l'attrazione di investimenti per l'economia di tutto il paese e per la penisola di Crimea in particolare.

La discussioni sarà anche incentrata sulle prospettive di investimento e di innovazione della penisola. Verranno presentati i progetti di investimento più ambiziosi per quanto riguarda il programma di sviluppo sociale ed economico della Repubblica di Crimea e di Sebastopoli in particolare.

Valdegamberi interverrà nella sezione plenaria di apertura del forum, che vedrà tra gli ospiti speciali anche l'attore francese e produttore di vino Gerard Depardieu. I temi trattati dal consigliere regionale veneto nel suo intervento saranno quelli dell'embargo e dell'autodeterminazione.

I due anni di crisi dei rapporti diplomatici tra Unione Europea e Russia, sono costati all'economia italiana ben 3, 6 miliardi di euro ed a farne le spese sono soprattutto aziende del nord-est, dalle agricole alle manifatturiere.

Nel suo intervento Valdegamberi auspicherà una revisione della posizione dell'Unione Europea nei confronti di Mosca e un graduale superamento dell'embargo, considerando essenziale il ruolo della Russia anche in chiave anti-terroristica. Non mancherà un cenno da parte del consigliere Valdegamberi al tema dell'autodeterminazione, con specifico riferimento alle neo-costituita Repubblica di Crimea. Il consigliere veneto, infatti, è stato il primo sottoscrittore della legge regionale che prevede il referendum sull'autodeterminazione.