Cookie 
Questo sito utilizza cookie analitici di terze parti per analizzare la Tua navigazione del sito, cookie di profilazione di terze parti per tracciare la Tua navigazione ed inviarti pubblicità in linea con le Tue preferenze e cookie sociali di terze parti per permetterti di interagire con i social network. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o a alcuni cookie clicca qui
Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Ora Niki Vendola venga arrestato

Niki VendolaValdegamberi  - Lista Zaia: “Perché non si procede all’arresto di Niki Vendola? Le leggi italiane si applicano a giorni alterni?”

Tempo fa invitai le forze dell'ordine ad arrestare Nichi Vendola per traffico di bambini, di cui si è autodenunciato rendendo note le tristi vicende di un bambino, strappato crudelmente dalle braccia della mamma, trattato alla stregua di un oggetto acquistato al supermarket.  

Prendo atto che la Magistratura italiana non ha preso ad oggi alcuna iniziativa di fronte alla notizia di reato. Chi ha venduto l'ovulo è una bella ragazza di 26 anni; la gestante, come fosse una macchina da produzione, è un'assistente sociale; gli acquirenti  un cittadino canadese ed uno italiano. Un atto d'amore? Si, per il portafoglio e per il desiderio egoista di possesso!

 Chi si preoccupa del diritto di un bambino di crescere con un papà ed una mamma che gli è stato volutamente negato dall'egoismo a pagamento di alcuni adulti? Nessuno, nemmeno i magistrati a quanto pare.

 Ora che Vendola e compagno sono in Italia, perché non si applica quanto previsto all'art. 12 della legge 40? Mi auguro  la magistratura che talvolta si sostituisce al potere legislativo,  quando le leggi ci sono, le faccia applicare.

E’ per questo che oggi ho incaricato l'avv. Roberto Bussinello del foro di Verona affinchè verifichi gli elementi penalmente rilevanti e si attivi avanti l’autorità giudiziaria competente per denunciare le violazioni di legge derivanti dai fatti medesimi, perché quanto scritto nella legge non rimanga lettera morta e non ci si dimentichi mai che i bambini sono essere umani e non prodotti da acquistare sul catalogo, come ahimè avviene in diversi Paese nel mondo.